Fleetmagazine ha pubblicato un articolo nel quale sono stati messi a confronto da Assoutenti i listini delle casse automobilistiche dal 2013 ad oggi e ha messo in luce un aumento del 44%

In Italia l’anzianità media di un auto supera gli 11 anni ma le cause di questo problema sono legate soprattutto ultimamente, non solo ai tempi di attesa lunghissimi per la consegna, ma anche per i prezzi per il mercato del nuovo.

Secondo la ricerca, nel 2013 il prezzo medio per acquistare una vettura nuova era di 18mila euro, mentre oggi è di 26mila.

Anche solo paragonando i prezzi dal 2022 al 2023 c’è stato un aumento del 6,1%. Le cause potrebbero essere diverse: a partire dall’elettrificazione del mercato, le crisi delle materie prime fino ad arrivare alla logistica.

Si sta sempre più incentivano un rinnovo del parco auto per diminuire l’inquinamento ma al tempo stesso il consumatore paga il prezzo più alto.

Le diverse difficoltà riscontrate nel mondo automotive hanno sì danneggiato il settore, ma ancor di più i consumatori.

Il governo dovrebbe perciò dare più incentivi al settore senza dare l’esclusiva al mondo dell’elettrico, così da poter sostenere anche coloro non ancora pronti a passare ad esso ma che decidono di optare per modelli sempre meno dannosi per l’ambiente. 

Fonte: fleetmagazine.com